Politica

Siracusa, crisi ex Provincia, Fratelli d’Italia: “Stucchevole solidarietà da chi ha soppresso province, si interessi Gentiloni”

SIRACUSA – La situazione della ex Provincia, oggi Libero consorzio comunale di Siracusa, è drammatica, sull’orlo del dissesto, come testimoniano le manifestazioni odierne tra via Malta e corso Umberto I dei dipendenti, che non percepiscono lo stipendio da cinque mesi (vedi articolo).

Interviene a riguardo il portavoce provinciale di Fratelli d’Italia, Alessandro Spadaro, che non lesina dure accuse politiche: “La dichiarazione di dissesto finanziario dell’Ente è pressoché già in atto. Crocetta con il Pd e con il determinante appoggio del Movimento 5 stelle ha creato un disastro. Siamo di fronte ad una situazione epocale. Mai nel passato, nemmeno con le peggiori amministrazioni politiche, l’Ente di via Roma ha subito una tale mortificazione o si è arrivati a questo così grave stato di fatto. Sono, inoltre, stucchevoli, inopportune e fastidiose le manifestazioni di solidarietà espresse da coloro che hanno siglato la soppressione delle Province in nome di chissà quale risparmio. Crocetta, con questa operazione folle, voleva mettere il proprio cappello sulle province gestendole con propri commissari assumendosi, quindi, tutte le responsabilità politiche di ciò che è in corso”.

Queste le possibili ripercussioni per i cittadini, secondo il dirigente del partito di Giorgia Meloni: “Tutto quello che sta succedendo produrrà effetti devastanti in termini di servizi da erogare ai cittadini della provincia di Siracusa. Tutti gli interventi ed i servizi in capo alla provincia, dalla manutenzione e gestione delle scuole, ai trasporti, all’assistenza ai portatori di Handicap, alle manutenzioni delle strade, sono già al lumicino e  nel prossimo futuro, con questo scenario, non potranno più essere garantiti”.

Spadaro propone una strada risolutiva da percorrere: “I dipendenti della Provincia di Siracusa, insieme a quelli di Siracusa Risorse, che hanno un ruolo importante nel settore manutentivo, sono circa 600. Il costo del personale è di circa 15/16milioni di euro l’anno e da 5 mesi i dipendenti della ex provincia non percepiscono lo stipendio. La strada di una gestione ordinaria della crisi non è più  percorribile. La Regione, ignorando il problema, ha fatto come lo struzzo e il problema resta! Il Governo Gentiloni e la sua maggioranza, anziché pensare di salvare solo le banche, deve con urgenza disporre un salvataggio della ex Provincia Regionale di Siracusa. Dal bilancio della Provincia, che è intorno a 27/28 milioni, il prelievo forzoso dello Stato è di circa 20 milioni di euro l’anno ed i mutui, contratti con la gestione del Pd e Marziano, impegnano circa 6,5 milioni di euro l’anno fino al 2044, quindi, come appare chiaro, le risorse che restano non possono coprire neanche 1 mese di vita dell’Ente”.

E, per dare seguito alla proposta, annuncia che “Fratelli d’Italia-An, attraverso il proprio gruppo parlamentare e Giorgia Meloni, si batterà affinché questa situazione venga seriamente affrontata e portata all’attenzione del Governo Gentiloni”.


In alto