Primo piano

Siracusa, messa in sicurezza ex Tonnara S. Panagia, Samonà in sopralluogo: “Atti vandalici sono offesa inaccettabile”

SIRACUSA – “Il mio sopralluogo nell’ex Tonnara di Santa Panagia, in presenza delle Forze dell’ordine, vuole essere un forte segnale verso la comunità di Siracusa e di ripristino della legalità dopo gli atti vandalici che altro non sono se non un’offesa inaccettabile. Il primo intervento di messa in sicurezza dell’area è in corso, ma nelle prossime settimane si insedierà un tavolo tecnico operativo per definire rapidamente tempistiche e modalità per i lavori di restauro dell’intera struttura”. Sono queste le parole dell’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà, che si è recato stamani alla ex Tonnara di Santa Panagia per effettuare un sopralluogo, dopo che il sito è stato oggetto, nei giorni scorsi, di atti vandalici e violazioni, prontamente denunciati agli organi di polizia dalla Soprintendenza dei Beni culturali di Siracusa. Ecco la videointervista.

Al sopralluogo erano presenti la polizia e i carabinieri del nucleo Tutela del patrimonio culturale (Tpc), i tecnici della Soprintendenza di Siracusa, i responsabili della ditta che sta eseguendo i lavori di messa in sicurezza. Tra i presenti anche rappresentanti di guide naturalistiche e turistiche, ed esponenti politici quali l’ex parlamentare regionale Vincenzo Vinciullo, che un mese fa ha federato le sue liste civiche con la Lega, e il commissario provinciale della Lega, Leandro Impelluso.

Per l’ex Tonnara di Santa Panagia, struttura che ha cessato la sua funzione originaria nei primi anni settanta, nelle scorse settimane l’assessorato regionale dei Beni culturali ha stanziato un finanziamento di 140 mila euro destinati a interventi di messa in sicurezza che riguardano, in particolare, il ripristino della recinzione del sito, il rafforzamento di alcuni tratti pericolanti e la realizzazione di un impianto di illuminazione e videosorveglianza per preservare la struttura da possibili atti vandalici.


In alto