News

Siracusa, Nuovo ospedale, riunione preliminare per variante urbanistica ed espropri

SIRACUSA – Nella mattinata di ieri, 7 giugno, nella sala conferenze dell’ospedale “Rizza”, si è tenuta una riunione preliminare all’avvio delle attività di progettazione del Nuovo ospedale di Siracusa, presieduta dal prefetto di Siracusa Giusi Scaduto nella qualità di commissario straordinario per l’opera, con il sindaco di Siracusa Francesco Italia e i rappresentanti del “Raggruppamento temporaneo di professionisti studio Plicchi” di Bologna, mandatario del raggruppamento vincitore del concorso di idee bandito dallo stesso commissario straordinario.

Obiettivo dell’incontro, come in premessa precisato dal prefetto Scaduto, è stato quello di “assicurare che il percorso autorizzativo sia condiviso sin dalle prime battute con le Amministrazioni ed Enti che saranno chiamati a rilasciare pareri, visti e nulla osta”.

Erano, infatti, presenti rappresentanti dell’Assessorato della Salute – dipartimento per la pianificazione strategica, dell’Assessorato del Territorio e dell’Ambiente – dipartimento dell’urbanistica, del comando provinciale dei Vigili del fuoco, del Comune di Siracusa, dall’Azienda sanitaria provinciale di Siracusa, del Comando Corpo Forestale, dell’Anas, della Soprintendenza per i Beni culturali e ambientali di Siracusa, del Genio civile di Siracusa, della società Italgas, della società Enel E-Distribuzione e dell’Ias.

Dopo l’esposizione di dettaglio dell’opera da parte del gruppo di progettazione, sono stati congiuntamente valutati taluni aspetti di rilievo per il prosieguo dell’iter, quali l’interconnessione del nuovo nosocomio con la viabilità preesistente (vedi foto di repertorio in copertina, in occasione della presentazione dell’idea progettuale) e gli adempimenti propedeutici alla variante urbanistica e alla procedura espropriativa.

Il prefetto Scaduto ha ringraziato i presenti “per l’approccio sinergico, indispensabile ad assicurare che l’intervento tanto atteso dalla collettività aretusea venga attuato nei tempi stringenti fissati dalla norma con l’acquisizione entro l’anno del progetto esecutivo“.

Un particolare ringraziamento, infine, lo ha rivolto ai rappresentanti dell’Assessorato regionale della Salute e dell’Asp di Siracusa “per la determinazione e l’estrema professionalità che hanno sempre dimostrato nel perseguire l’obiettivo strategico fissato dal Governo regionale di dotare la provincia di Siracusa di un Dea di 2° livello, unitamente alla leale collaborazione con lo stesso Commissario”.


In alto